GIARDINI ZEN


Suggerimenti e idee per creare giardini zen

I giardini zen è sinonimo di calma, tranquillità e saldezza. Questa tipologia di giardino è perfetto per chi cerca e vuole un oasi dove rilassarsi dal lavoro e dai frenetici ritmi della vita moderna.
I giardini zen esiste da molti secoli ma solo nel VI secolo d.c., con la venuta del Buddhismo Zen che il " giardino" ha iniziato a trasformarsi.
In primo luogo sono stati creati paesaggi con estensioni più grandi per consentire l'entrata all'interno per poterci camminare e meditare e non più all'esterno come all'inizio.
In seguito i sacerdoti Zen hanno accolto poi il " Karesansui " conferendo alla sua realizzazione uno scopo diverso:  Aiutare alla penetrazione più intima dello zen.

Quando create il vostro giardino zen , associate un elemento o cambiate l'orientamento della sabbia in grani è un momento importante per distendere e meditare riflettendo alla calma e all'immensità del mare.
Il giardino zen può essere allestito sia in grandi che in piccoli spazi, I due elementi fondamentali sono rocce per creare isole montuose e sabbia speciale, non quella del mare, ma di marmo o di granito dalle tonalità chiare e uniformi come beige, bianco con le sue mille sfumature con due millimetri di diametro per creare le correnti e le onde dell’oceano.

Per esempio il  granito bianco permette di avere la perfetta atmosfera e rischiara con il proprio riflesso anche le zone adiacenti del giardino.
Scegliete con molta attenzione le rocce da collocare nel giardino zen. Le isole sono il perno della meditazione e riveste una grande importanza per lo zen.
Spesso vengono aggiunti nel giardino zen dei ponticelli che rappresentano il passaggio attraverso il mare per arrivare un punto di vista alternativo che diversamente non sarebbe possibile vedere, dove si può meditare in modo diverso che si raggiunge solo se si passa quel ponte.